Installare Backtrack 4 Beta su USB con Persistent Changes

Prerequisiti

Diamo per scontato che avete questi requisiti:

1. Sapete partizionare un disco
2. Conoscete Backtrack
3. Conoscete quantomento Linux
4. Conoscete Windows

Materiale occorrente:

1. Una pendrive di almento 2 gb
2. Una distribuzione già esistente di Backtrack 3 o 4 su cd/dvd da utilizzare in live per svolgere le operazioni necessarie
3. UNetbootin – L’utility di cui avevamo già parlato in precedenza che serve a creare distro live su usb

Possiamo iniziare!

Partizionare la pen drive

Prendete il cd o dvd di Backtrack 3 o 4 (l’avevamo accennato tra i prerequisiti). Avviamolo da boot e facciamo partire backtrack.

Utilizzeremo qparted per partizionare la pendrive.

Prendo ad esempio una pen drive da 4 GB perchè è quella che utilizzo io, ma come ho detto basta già una da 2 giga se non si usa spessissimo (altrimenti i log la riempiono ).

Creiamo le seguenti partizioni:

1. La prima partizione deve essere una partizione primaria di 1.2 gb e formattata di FAT32.
2. La seconda partizione invece deve essere grande quanto il resto della pen drive e formattata in ext2.

Rendere la pen drive avviabile

Scarichiamo la iso dvd di backtrack 4 da http://spool.metasploit.com:8000/backtrack
/bt4-beta.iso

Avviamo UNetbootin e inseriamo la pen drive. Selezioniamo come distribuzione backtrack 3 e come sorgente la iso (o il dvd vero e proprio) di Backtrack 4 e come destinazione la pen drive che abbiamo partizionato e diamo OK.

Persistent Changes

Il persistent mode di backtrack 4 và attivato come per backtrack 3.

Ricapitoliamo:

Avviamo Backtrack 4 e montiamo la seconda partizione che avevamo precedentemente formattato in ext2.

Creiamoci all’interno una cartella per contenere i cambiamenti.

Per fare ciò digitiamo sul terminale:

1. mount /dev/sdb2 /mnt/sdb2
2. cd /mnt/sdb2
3. mkdir changes

Adesso dobbiamo apportare dei cambiamente all’avvio di Backtrack 4.

Sempre sul terminale digitiamo:

1. cd /boot/syslinux
2. chmod +Xx lilo
3. chmod +Xx syslinux

Apriamo adesso syslinux.cfg con un editor qualsiasi. Ad esempio nano digitando nano syslinux.cfg

1. cerchiamo la riga “LABEL BT4″.
2. Copiamo questa e le successive 3 righe e incolliamole subito sotto quelle già esistenti (così avremo una nuova opzione all’avvio)
3. Cambiamo “LABEL BT4″ in qualcosa del tipo “LABEL BT4-persistent” e la descrizione in qualcosa tipo “MENU LABEL BT4 Beta – Console – Persistent”
4. Cambiamo la riga che inizia con APPEND nella sezione che abbiamo incollato aggiungendo “changes=/dev/sdx2″ subito dopo “root=/dev/ram0 rw” dove x è la lettera della vostra pendrive in backtrack (per me è sdb ma può variare). Nel mio caso la riga diventa così: “….root=/dev/ram0 rw changes=/dev/sdb2….”
5. Salvate i cambiamenti e uscite.

Adesso riavviando e selezionando la nuova opzione appena creata dovreste essere in modalità persistent, basta provare a salvare un file sul desktop, riavviare e rientrare nella stessa modalità per capire se il tutto funziona.

Questo è quanto per dubbi o chiarimenti sono sempre a disposizione😉 Resta di fatto che se non avete particolarità e/o esigenze consiglio di aspettare la release definitiva che non dovrebbe tardare molto ad essere disponibile…

2 Risposte

  1. Uhm…interessante. Adesso lo provo, grazie!😉

  2. ciao w0rm!!! bravo, provalo e se hai problemi sono qui!”!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: